Striscia la notizia, i partner di Groupon e le minacce di querela


Striscia la Notizia : i partner di Groupon

In questi gironi abbiamo assistito alla Corrida (il programma tv) del web marketing.

Mercoledì, prima che Striscia mandasse in onda il servizio sui partner di Groupon abbiamo visto gli amministratori del gruppo chiedere ai membri della pagina Facebook di moderare il linguaggio (a dire il vero mai nessuno ha postato parolacce o andato contro la netiquette diffusa) perché Groupon lo aveva avvisato che erano pronti a far partire querele.

Primo effetto reale: alcuni post sono stati cancellati, forse qualcuno in cui si parlava di truffa o li si etichettava come ladri, perché come già detto nessuno aveva, anche con le dovute ragione, mai usato un linguaggio da curva ultrà.

Un minimo di panico e paura si è diffuso tra gli utenti.

La sera poi, è andato finalmente in onda il servizio del tg satirico di Canale 5 che voleva dare voce ai partner di Groupon. Iniziato con il botto: ha intervistato tre ex partner della società di Chicago che hanno esposto i loro disagi.

Ovviamente legati da un lato all’overbooking e dall’altro ad un assoluta mancanza di organizzazione aziendale che raccoglie con veloce voraci i soldi dai clienti ma con estrema leggerezza s’interessa di girare i nominativi e gli indirizzi di essi ai partner che devono poi consegnare i prodotti.

Striscia la Notizia : i partner di Groupon 2

Il solito, questa volta sbarbato e sorridente (forse qualche rimprovero dai vertici sarà arrivato) ha come suo dovere smentito e minimizzato. L’overbooking per lui è storia vecchia, peccato che ultimamente abbiano venduto oltre 3000 coupon per la ben nota AIR FAST TICKET.

Adesso implementeranno un form magico che risolverà ogni problema con i partner ma come può questo form, che è una semplice pagine web, far consegnare in tempo e con correttezza partener come Techmania? Bah?!?

Forse Do Nascimento sciogliendo il sale svelerà l’arcano.

D’accordo, Striscia non è un programma d’inchiesta giornalistica come Report e quindi è normale che Laudadio non sia in grado di porre le giuste seconde domande, ma non chiedere spiegazioni al Director Managing di Groupon quando affermava che Roberta doveva accettare tutti i 425 coupon per i suoi servizi di parrucchiera mi sembra superficiale.

Forse non l’hanno ben chiaro, Roberta è parrucchiera per donne non per cani o per skinhead. Un taglio, una pettinatura, una tinta e ogni altra attività che effettua nel suo esercizio richiede tempo – circa un paio di ore – sia per questioni di mera QUALITA’ che per far agire i prodotti chimici.

Inoltre, perché non chiedono al buon MEGA DIRECTOR se lui lavorerebbe mai mesi e mesi senza un reale guadagno? Non ci stancheremo mai dire che questi coupon si tramutano in lavoro senza guadagno, nel migliore dei casi, se non addirittura in perdita.

Mettiamo per un attimo questo servizio in secondo piano ed analizziamo però meglio le minacce di querele perché è qui che vien il bello:

le querele per “questioni” in rete come recita un articolo su Punto Informatico non sono mai una mossa furba. 

È indubbio che annunciare querele in rete nei confronti di un proprio cliente insoddisfatto non sia una grande idea

Infatti, sentirsi diffamati da un cliente scontento equivale per prima cosa ad avvisare l’intera comunità web e mondiale dei problemi incontarti da quel utente. Un autogol clamoroso.

E come già abbiamo visto: l’unione fa la forza e gli scontenti non sono mai casi isolati come loro sostengono e in più sottovalutano lo spirito di emulazione.

È di questi giorni la notizia dell’insuccesso della campagna Twitter di Mc Donald in cui i clienti anziché twittare esperienze positive nel fastfood hanno inondato il social network di messaggi negativi.

Le comunicazioni orizzontali e virali sono difficilmente controllabili, soprattutto se la base del prodotto è carente. Prima di intraprendere certe strade andrebbe fatta una giusta analisi delle propria reputation da parte dei clienti, altrimenti, il bomerang torna dritto indietro.

Che dire, Groupon renditi conto che la situazione è questa o cambi DAVVERO modelllo di business e pratiche commerciali o le cose non cambiano. Anche se spaventi qualcuno, e cerchi di risolvere i problemi di chi adesso fa rumore, anche in futuro arriveranno altri.

Puoi anche sperare  il gruppo FB si dilegui dopo aver risolto i propri problemi, ma i nodi arriverrano sempre al pettine.

Sempre ammesso che capiti.

Magari, come mossa semplice e disperata, potresti anche fare come il Signor Burns che per placare le proteste assume il loro leader (Homer nei Simpson e un amministratore nei Groupons) come capo della sicurezza, sempre che lui accetti (io non credo), ma i problemi ciclicamente torneranno.

Clicca Mi Piace e segui Il Grouponista su FaceBook

Annunci

5 risposte a “Striscia la notizia, i partner di Groupon e le minacce di querela

  1. Pingback: Striscia la notizia, i partner di Groupon e le minacce di querela | Il ... | COUPON & DEAL ........ RISPARMIARE IN ITALIA SI PUO | Scoop.it

  2. Buongiorno a tutti,
    effettivamente ho l’impressione che non sono gli esercenti la problematica di Groupon ma loro stessi. ho comprato delle t-shirt , la descrizione fatta non corrisponde, … le t-shirt sono di una marca e loro pubblicizzano un’altra (fruit of the loom); certo non mi conviene rimandarle indietro per farmi rimborsare anzi c’e’ il rischio che le rispedisco e non mi rimborsano. Vabbè diciamo che c’e’ sempre la prima volta, compro poi un week end, dopo un po’ di tempo telefono per prenonatare; l’esercente chiaramente mi dice che per i Groupon ha messo a disposizione solo tre camere delle 10 pubblicizzate…….. e cosi mi volevo fare un week end in famiglia e amici (anche loro sono rimasti fregati!!!!)per quest”estate e l’hotel mi dice che fino al 30 settembre le camere sono tutte prenotate. Ma quanti Groupon hanno venduto? mah!!!! sta di fatto che Groupon invece di chiamarli e verificare mi dice che non puo’ fare niente , neanche il rimborso. la validità del Groupon è fino al 15 ottobre.

  3. Hanno truffato anche me. non comprate da groupon!!! massima attenzione, non avete nessuna tutela!!! Ho regalato un coupon e il partner ha rimandato continuamente con mala fede. chiamo groupon e quelli mi dicono di arrangiarmi…una truffa bella e buona!!! perso 130 euro, brutta figura, arrabiatura. truffata! ma non c’è nessuno che ci tuteli?

  4. Anche Io sono stata truffata! Ho acquistato un corso di inglese per le mie figlie, ma questo corso viene fatto la sera tardi è considerando che le bimbe hanno 10 e 13 anni..Premetto che prima di acquistarlo avevo chiamato il partner e questo mi aveva detto che il corso sarebbe stato fatto nelle mattinate di sabato o domenica. Ho cercato di disdire nei dieci giorni ma, ne il partner, ne groupon me lo hanno permesso. Oggi entrambi mi dicono che, se avessi chiamato nei dieci giorni, non avrei avuto problemi…. Non acquistate su groupon! Il corso comunque si doveva svolgere presso la 3f di arcore.

  5. Sappiate che chi compra su groupon, per il partner, è un cliente di serie C. Se hanno voglia e tempo veniamo minimamente presi in considerazione. Ci fanno sentire delle m…..

Lascia un Commento o un Opinione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...